Bergamini a Ravenna, pittore visionario

Ricoverato in clinica psichiatrica a Imola dal 1948 al 1975, dimesso a seguito di un progetto sperimentale che anticipava l'entrata in vigore della legge 180, Annibale Luigi Bergamini dipingeva con assiduità, specie nell'ultimo periodo quando in clinica gli fu allestito un atelier. Dal '75 fu poi ospite di una comunità aperta in cui continuò freneticamente a dipingere. Morì nel '92, a 71 anni, ormai logorato nel fisico e per i danni subiti durante una brutale aggressione. "Un artista non ancora sufficientemente indagato ma dalla personalità decisamente singolare", dice l'assessore comunale alla Cultura di Ravenna Elsa Signorino. Per la prima volta una rassegna articolata delle sue opere viene offerta al pubblico in una mostra, 'L'incanto e l'invisibile: un pittore visionario', allestita a Ravenna, a Palazzo Rasponi dalle Teste, dal 7 dicembre al 13 gennaio. Nell'allestimento figurano circa 40 dipinti e una serie di disegni con molti inediti; l'iniziativa è inserita nel progetto 'Novecento rivelato'.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Estense.com
  2. Estense.com
  3. Estense.com
  4. Estense.com
  5. Ravenna & Dintorni

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Comacchio

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...